LISTA COMPLETA

HOMEPAGE            GAMES            PC   XBOX   PS2   NGC   PSP   DS            FORUM            LO  STAFF            PUBBLICITA'            CONTATTACI 


Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x728 e realizzato sfruttando il linguaggio Java scaricabile gratuitamente qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Casa Produttrice

 

Ubisoft

 

Sviluppatore

 

Gearbox Software

 

Distributore

 

Ubisoft Italia

 

Data di Uscita

 

Ottobre 2005

 

Lingua

 

Tutto in Italiano

 

Genere

 

FPS

BROTHERS IN ARMS: EARNED IN BLOOD

 

Piattaforma

 

PC   XBOX   PS2

Fascia di Età

 

Dai 16 anni in su

 

N° Giocatori

 

Fino a 4 Giocatori

 

Link

 

Sito Ufficiale

Ubisoft Italia

  

Hardware PC

 

I requisiti minimi sono: sistema operativo Windows 2000/XP, processore a 1 GHz, 512 MB di RAM, scheda video 3D con 32MB di Ram compatibile DirectX 9.0c, scheda audio compatibile DirectX, 5 GB di spazio su HD.

 

Giochi Simili

 

Call of Duty: L'Ora degli Eroi

Brothers in Arms: Road to Hill 30

 

 

 

 

 

Recensione del Gioco

 

PANORAMICA

 

Sembra che la politica di Gearbox sia "battere il ferro finchè è caldo". A soli 7 mesi dall'uscita del primo capitolo, ecco arrivare Brother in Arms: Earned in Blood. Earned in Blood è il naturale completamento di Road to Hill 30. Come nel primo BiA, infatti, l'intenzione di Gearbox è quella di puntare l'attenzione più sull'aspetto tattico piuttosto che sull'abilità del giocatore. Questo significa che la meccanica di gioco è uguale alla precedente: nelle primissime missioni avremo una squadra ai nostri ordini e ci dovremmo preoccupare di gestirne gli spostamenti e gli ordini d'attacco. Avanzando nel gioco se ne affiancherà una seconda, specializzata negli assalti ravvicinati. Lo stesso sistema di controllo è invariato: è sufficiente selezionare un'unità e indicare (tramite mouse o pad) la posizione da raggiungere o la direzione in cui concentrare il fuoco. Il tutto con lo scopo di costringere il nemico a tener giù la testa mentre voi, o una squadra al vostro comando, tenterete un'azione di fiancheggiamento. Ovviamente è sempre presente la comodissima mappa 3D richiamabile in ogni frangente, per capire meglio le eventuali posizioni nemiche, o più semplicemente come potersi muovere  con le due squadre. L'unico vero "restayling" lo ha subito l' IA. I vostri commilitoni sono più sagaci, dimostrandosi in grado di mettersi autonomamente al riparo e rifiutando ordini insensati. Stessa cosa per i Bot nemici. Ora non se ne stanno più "con le mani in mano", ma cercheranno di cambiare posizione qualora si accorgano del vostro tentativo di aggirarli, oppure di cogliervi loro stessi di sorpresa, obbligandovi ad agire con tempismo e astuzia. Tutto questo comporta un innalzamento del livello di difficoltà: persino le prime missioni possono trasformarsi in sfide molto impegnative.
Concludendo,  non poteva certamente mancare un multiplayer di gran spessore da 2 fino a 4 giocatori, impreziosito dalla new entry  "modalità skirmish". Quest'ultima, offre la possibilità di giocare le modalità e le mappe multiplayer sia nei panni degli americani, sia in quelli dei tedeschi.

 

COMPARTO TECNICO

 

L'engine è rimasto indentico con l'utilizzo però di nuovo bump-mapping per la modellazione degli scenari. Difatti sia le strutture che la campagna francese sono digitalizzate con ottimi poligoni e le stesse texture che formano i soldati sono ben eseguite sia per quanto riguarda la mimica facciale, sia per l'attenzione posta nel ricreare le loro divise, equipaggiamento e armi comprese.
Ora il motore grafico pare snellito rispetto al passato e il ragdoll dei soldati colpiti sembra più realistico. Ovviamente il sonoro continua ad essere il "piatto forte" del prodotto. Ottimi gli effetti delle armi e buona la quantità ma soprattutto la qualità del parlato.

 

CONCLUSIONI

 

Francamente questo gioco (nonostante i 12 capitoli), assomiglia più ad un data disk che ad un vero e proprio prodotto fine a se stesso. Non che sia brutto, ma di novità ce ne sono gran poche. Se già l'episodio precedente aveva nettamente spaccato in due il "Mondo dei Gamer-HardCore", complice un sistema di controllo del mirino che impediva di sparare con precisione, figuriamoci ora che vi è una calibrazione dell'IA eccessivamente alta.  Resta comunque un gioco consigliato a tutti.

Voto

 

9
 

Recensione realizzata da LUKE

 

 

COMMENTA, VOTA E SCARICA GRATIS  SE DISPONIBILI I TRUCCHI,  I SALVATAGGI E LA SOLUZIONE  DI BROTHERS IN ARMS: EARNED IN BLOOD SUL

clicca ----->   FORUM   <----- clicca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


ZOOM

 

  

 

 


ZOOM

 

  

 

 


ZOOM

 

 

  

  


ZOOM

 

 

 

 

  


ZOOM

 

 


ZOOM

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM