LISTA COMPLETA

HOMEPAGE            GAMES            PC   XBOX   PS2   NGC   PSP   DS            FORUM            LO  STAFF            PUBBLICITA'            CONTATTACI 


Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x728 e realizzato sfruttando il linguaggio Java scaricabile gratuitamente qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Casa Produttrice

 

Nintendo

 

Sviluppatore

 

Nintendo

 

Distributore

 

Nintendo

 

Data di Uscita

 

Febbraio 2005

 

Lingua

 

Tutto in Italiano

 

Genere

 

Platform 2D

DONKEY KONG: JUNGLE BEAT

 

Piattaforma

 

NGC

Fascia di Età

 

Dai 3 anni in su

 

N° Giocatori

 

1 Giocatore

 

Link

 

Sito Ufficiale

Nintendo

  

Giochi Simili

 

Donkey Konga

Serie di "Donkey Kong"

 

 

 

 

 

Recensione del Gioco

 

PANORAMICA

 

Come tutti i fans sanno, l’originalità in casa Nintendo non è mai mancata e lontani saranno i giorni in cui si esaurirà. Un esempio eclatante è proprio radicato in un titolo, che già molto tempo fa, aveva fatto scalpore per una grafica del tutto innovativa su sistemi a 16 bit ed una giocabilità eccelsa. Sto parlando proprio di lui, il re delle scimmie, Donkey Kong, che quest’anno torna a deliziarci con un nuovo titolo dal nome "Donkey Kong: Jungle Beat". Dal punto di vista del gameplay, però, le cose sono un po’ cambiate: al posto del normale joypad del Gamecube (che può essere utilizzato ugualmente) si utilizza una coppia di bongo, da cui si gestiscono tutti i movimenti del personaggio. In realtà Donkey Kong: Jungle Beat non è il primo titolo, in casa Nintendo, ad utilizzare i bongo, ma già l’anno scorso essi sono stati usati per un altro titolo dello scimmione, Donkey Konga, un titolo di buon successo, che ha permesso alla grande N di continuare per questa strada.
         Il gioco è un platform bidimensionale multidirezionale in cui i movimenti e la varie azioni sono controllate esclusivamente con i bongo. I comandi d’azione sono pochi ma ben calibrati, ed in particolare con un colpo sul bongo destro o sinistro muoviamo il personaggio nella direzione scelta, con un colpo contemporaneo su entrambi si salta, e con un battito di mani si effettuano particolari eventi, in base alla situazione in cui ci troviamo. Tutto viene compiuto senza seguire un ritmo particolare, dato che non  si tratta di un gioco musicale o rhythm game, come il suo predecessore.

 

COMPARTO TECNICO

 

Il gameplay del gioco è perfettamente bilanciato e la risposta dei comandi è ottima, come se si giocasse con il joypad. La struttura del gioco ricalca quella dei suoi predecessori, cioè una suddivisione in mondi, al cui interno sono presenti una manciata di livelli. Ogni mondo, poi, come di consueto termina con un Boss, che battuto permette di passare al mondo successivo. I livelli sono ben strutturati e molto vari, con tanti segreti e bonus da raccogliere, come tradizione vuole. Ovviamente il tutto deve essere calibrato da un certo tempismo nel compiere le varie azioni che variano da livello a livello. Ogni scontro con i vari Boss di fine mondo, risulta sempre originale e con tecniche differenti. In particolare si deve notare che i controlli e le tecniche di utilizzo dei bongo cambiano, permettendo di controllarne le braccia di Donkey Kong e di prendere a mazzate il boss di turno in stile boxe.
          Il comparto grafico risulta molto fluido e colorato, e la qualità delle texture è molto curata. Tutto ciò è accompagnato da un design dei livelli eccelso e vario, che spesso ci faranno fermare a contemplare lo stile e la bellezza dello scenario in cui ci troviamo.
          Il sonoro è in stile tribale ed accompagna bene il ritmo frenetico che si presenta nelle varie situazioni, mentre i versi degli animali sono ben distribuiti e non si sovrappongono eccessivamente in modo da creare caos fastidiosi.
          L’unico punto negativo è dato dalla longevità che non è eccessivamente elevata (6 – 8 ore). Tuttavia ogni livello possiede tre medaglie (bronzo, argento ed oro) e per conquistare la medaglia d’oro si deve sudare parecchio possedendo una certa abilità nell’effettuare le diverse combo per raggiungere posti altrimenti difficilmente accessibili. Tutto ciò gioca a favore della rigiocabilità dei livelli, magari scoprendo nuove locazioni segrete non viste la prima volta.

 

CONCLUSIONI

 

In conclusione, Donkey Kong: Jungle Beat è un titolo meraviglioso, capace di far rivivere le vecchie sensazioni seppellite da tempo, in fatto di platform. Può essere giocato sia con i bongo che con il Joypad, ma è vivamente consigliato il primo anche per avere un’esperienza di gioco originale. Tuttavia resta un’esperienza unica da vivere, anche perché non si sa quando uscirà un nuovo platform originale come questo. Consigliato a tutti!

Voto

 

8,5
 

Recensione realizzata da Link

 

COMMENTA, VOTA E SCARICA GRATIS  SE DISPONIBILI I TRUCCHI,  I SALVATAGGI E LA SOLUZIONE  DI DONKEY KONG: JUNGLE BEAT SUL

clicca ----->   FORUM   <----- clicca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

  

 

   


ZOOM

 

 

   

 

 


ZOOM

 

   

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM