LISTA COMPLETA

HOMEPAGE            GAMES            PC   XBOX   PS2   NGC   PSP   DS            FORUM            LO  STAFF            PUBBLICITA'            CONTATTACI 


Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x728 e realizzato sfruttando il linguaggio Java scaricabile gratuitamente qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Casa Produttrice

 

Nintendo

 

Sviluppatore

 

Silicon Knights

 

Distributore

 

Take 2 - Halifax

 

Data di Uscita

 

Novembre 2002

 

Lingua

 

Sottotitoli in Italiano

 

Genere

 

Horror Adventure

ETERNAL DARKNESS: SANITY'S REQUIEM

 

Piattaforma

 

NGC

Fascia di Età

 

Dai 16 anni in su

 

N° Giocatori

 

1 giocatore

 

Link

 

Sito Ufficiale del Gioco

Nintendo

Silicon Knights

Halifax

 

Giochi Simili

 

Saga di "Resident Evil"

Saga di "Silent Hill"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recensione

 Dopo 5 anni di attesa e di sofferenza (e proprio il caso di dirlo), il gioco che doveva uscire per N64, è slittato al Cube, ma ciò non è una pecca, anzi è tutto al suo vantaggio. Se si vuole una valida alternativa ai vari Resident Evil (con tutto il rispetto) Eternal Darkness (ED) è una di questa. La sua atmosfera ha un che di oscuro, ed è tutta trasposta in chiave lovercraftiana (bellissima la schermata introduttiva del gioco, che riporta una frase di un altro genio dell'horror: Edgar Allan Poe), fosca e misteriosa al tempo stesso.
La trama è molto complessa e affascinante, che inizialmente può disorientare, ma che poi nel procedere si comprende con grande chiarezza. Si narra di uno scontro plurimillenario tra l'uomo, in generale, contro gli Antichi, che altri non sono che degli dèi malvagi in grado di trasformare la Terra in un luogo dominato da un'oscurità eterna (da qui ED). Il giocatore si calerà nei panni di 12 personaggi attraverso diverse epoche storiche che vanno dalla Persia del 26 A.C. fino al 2000 D.C. cercando di sventare il piano degli Antichi.
La vera innovazione del gioco sta che ogni personaggio oltre ad una barra di salute e di magia anche una di sanità mentale, che calerà col tempo in base ai nemici affrontati o a determinati eventi, ma che può essere recuperata uccidendo i vari mostri. La cosa più bella ed emozionante è che quando la barra di sanità mentale si abbassa troppo, il personaggio inizia ad avere delle allucinazioni anche terrificanti, dette Insanity Effect (mentre giocate può accadere che il televisore si spenga, ma è solo illusione.......provate per credere). Il gioco è molto lineare (ma non per questo facile), con una difficoltà che cresce in maniera graduale e progressiva. Gli enigmi non soffrono di ripetitività, ma sono molto vari e logici. Sono presenti ore di filmati in CG con grafica del gioco (che possono essere rivisti sfuttando il menù), che arricchiscono di molto la storia. Graficamente ED è bello, anche se i modelli dei personaggi non sono molto definiti, con una buona animazione ed inoltre potrete prendere i panni di 12 personaggi attraverso altrettanti capitoli che affronterete durante il gioco. Le sceneggiature e il design dei livelli è invece superbo. Dal punto di vista del sonoro, ED è forse il migliore per NGC (al pari di Metal Gear Solid: The Twin Snake nella versione Cube), sia come dialoghi, purtroppo solo in inglese, sia come musiche ed effetti sonori da brivido. Per coloro che vogliono gustarsi l'audio non soltanto nel gioco, esiste anche un soundtrack di tutte le musiche in versione integrale. Come giocabilità (scordatevi Resident Evil) ED è come se fosse Zelda in versione horror nè più nè meno con comandi molto semplici ed intuitivi.

 

 

Conclusioni

Se volete farvi un regalo da brivido, allora ED è assolutamente da comprare. Il gioco ha una longevità intorno a 22/24 ore (se viene giocato con passione e leggendo tutto), ma se proprio volete finirlo al 100%, dovrete completarlo tre volte (arrivando così anche a 50 ore) scegliendo una runa di colore diverso alla fine del primo capitolo, sia per sbloccare degli extra, sia per finire il finale completo.

by          

Link     

 

 

Voto

 

9

 

 

ScreenShot