LISTA COMPLETA

HOMEPAGE            GAMES            PC   XBOX   PS2   NGC   PSP   DS            FORUM            LO  STAFF            PUBBLICITA'            CONTATTACI 


Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x728 e realizzato sfruttando il linguaggio Java scaricabile gratuitamente qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Casa Produttrice

 

Nintendo

 

Sviluppatore

 

Intelligent Systems

 

Distributore

 

Nintendo

 

Data di Uscita

 

Novembre 2004

 

Lingua

 

Tutto in Italiano

 

Genere

 

Gioco di Ruolo

PAPER MARIO: IL PORTALE MILLENARIO

 

Piattaforma

 

NGC

Fascia di Età

 

Dai 3 anni in su

 

N° Giocatori

 

1 Giocatore

 

Link

 

Sito Ufficiale

Nintendo

  

Giochi Simili

 

Mario & Luigi Superstar Saga
Fire Emblem

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recensione

Il secondo GDR che è giunto nei lidi quasi aridi del cubetto è Paper Mario: Il Portale Millenario, sèguito glorioso di un gioco creato interamente dalla Nintendo (in realtà si tratta dello studio interno di Intelligent System creatore di Metroid Prime e Fire Emblem) e uscito qualche anno fa per N64. Il gioco è stato annunciato più di due anni fa, con uno sviluppo che alternava alti e bassi di produzione, ma alla fine è giunto per deliziarci con la sua consueta ondata di originalità.
Il titolo riprende la vecchia formula utilizzata nell’episodio precedente, ossia di un mondo in scorrimento pseudo – 3D e abitato da personaggi sottili come fogli di carta (da qui il titolo Paper che in italiano significa Carta). Ciò non deve far credere che non vi siano effetti speciali o cose del genere, ma tutto il gioco si baserà su questo dualismo 2D – 3D, dall’effetto sorprendente e con fondali più ricchi di colori che mai.
La storia parte da Mushroom Kingdom in cui la Principessa Peach, in un suo viaggio, entra in possesso di una mappa del tesoro mistica, acquistata da un vecchio mercante in una città chiamata Rogueport. Poiché per lei è difficile andare in cerca del tesoro da sola, manda una lettera a Mario in cui allega la mappa e spiega dove incontrarsi quando Mario sarebbe arrivato a Rogueport. Giunto a destinazione, però, egli non trova la principessa ma in compenso riesce a far decifrare la mappa da un professore esperto in archeologia, che spiega che per aprire la porta millenaria, dietro cui è celato il tesoro, deve cercare di trovare tutte e sette le Crystal Stars. Da questo punto in poi inizia la vera avventura alla ricerca delle Stelle della principessa Peach. La trama non sembra molto complessa, ma ciò che sembra una novità in un gioco in cui Mario è il protagonista è la grande mole di dialoghi presente, molto curati e approfonditi e con il solito umorismo che da sempre caratterizza gli episodi di Mario.
La giocabilità è il punto forte del gioco. Non bisogna cadere nel tranello che trattandosi di Mario la gestione dei menu e dei combattimenti sia semplice, anzi i programmatori hanno ideato un sistema molto completo e innovativo. Per quanto riguarda i menu, oltre alla sistemazione degli oggetti, ci sono i riquadri in cui sono allocate le informazioni di tutti i nemici incontrati e di tutte le abilità in possesso ed equipaggiate, oltre alle caratteristiche principali dei personaggi. Importante è la scelta delle abilità da equipaggiare, che se nelle prime battute del gioco non sembra aver peso, a mano a mano che procede l’avventura bisogna considerare tante possibilità per far sì che il combattimento sia il più agevole possibile. I combattimenti sono a turni con una buona dose di interattività, cioè in base ai tasti che premiamo sul joypad, possiamo infliggere più danno, schivare i colpi o contrattaccare. A questo si aggiunge il pubblico che in base al nostro modo di combattere si divertirà o meno, e non mancherà anche qualcuno che ci tirerà qualche oggetto o power – up addosso.
Dal punto di vista grafico si è già accennato alla scelta di rappresentare i personaggi come fogli di carta. Tutto questo, dal punto di vista del gioco può dare origine a delle soluzioni originali, come la trasformazione di Mario in un razzetto di carta capace di sorvolare e oltrepassare baratri altrimenti insuperabili a piedi, e tanti altri poteri che non svelo per non togliere la sorpresa. Ovviamente il tutto è accompagnato, per ogni superpotere acquisito, da un apposito tutorial che permette di darvi dei consigli sul come utilizzare al meglio il nuovo potere.
Dal punto di vista del sonoro vengono ripresi i vecchi temi dei vari Super Mario, con l’aggiunta delle solite novità, che questa volta sono molto più ispirate rispetto alle novità di Super Mario Sunshine. Mancano, inoltre, il doppiaggio vocale, che si limita solo a qualche effetto di esclamazione, e filmati in computer grafica. Ma non nascerà mai il giorno, secondo me, che la Nintendo metta nelle sue creature filmati o doppiaggi, perché non c’è ne bisogno, dato che non se ne sentirà la mancanza.

 

Conclusioni

In conclusione la Nintendo ha dato l’ennesimo sfoggio di originalità in un titolo che spero non passi inosservato, vista la grande mole di titoli nel periodo natalizio, e che dimostra che la grande N esiste ancora. La longevità non è eccessivamente elevata (30 – 40 ore) ma dipende sempre se viene o no giocato con superficialità. Buon divertimento a tutti e alla prossima. Età consigliata 3+.

by           

Link     

 

 

Voto

 

8,5

 

COMMENTA, VOTA E SCARICA GRATIS  SE DISPONIBILI I TRUCCHI,  I SALVATAGGI E LA SOLUZIONE  DI PAPER MARIO: IL PORTALE MILLENARIO SUL

clicca ----->   FORUM   <----- clicca

 

 

ScreenShot