HOMEPAGE

GAMES

TRUCCHI

FLASHGAMES

CARTOONS

EVITA CLAN

 

 

HOME               GAMES               FORUM               LO  STAFF               PUBBLICITA'               CONTATTACI

LISTA COMPLETA:

PC    |   XBOX 360    |   PS3    |   REVOLUTION    |   XBOX    |   PS2    |   GAMECUBE    |   PSP    |   NINTENDO DS
DREAMCAST
  | 
  N64   |   PSX   |   SATURN   |   SNES   |   MEGADRIVE   |   NES   |   M. SYSTEM   |   GAMEBOY   |   GAMEGEAR


Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x728 e realizzato sfruttando il linguaggio Java scaricabile gratuitamente qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Casa Produttrice

 

Dreamcatcher

 

Sviluppatore

 

Detalion

 

Distributore

 

Atari Italia

 

Data di Uscita

 

Febbraio 2005

 

Lingua

 

Tutto in Italiano

 

Genere

 

Avventura Punta e Clicca

SENTINEL: IL REGNO DELLE ILLUSIONI

 

Piattaforma

 

PC

Fascia di Età

 

Dai 3 anni in su

 

N° Giocatori

 

1 Giocatore

 

Link

 

Sito Ufficiale

Dreamcatcher

Atari Italia

  

Hardware PC

 

I requisiti minimi sono: sistema operativo Windows 98SE/Me/2000/XP, processore a 1,3 MHz, 128 MB di RAM (256 MB per XP), scheda video 3D con 64 MB di Ram con supporto T&L compatibile DirectX 8.1, scheda audio compatibile DirectX, 1.6 GB di spazio su HD.

 

Giochi Simili

 

Myst IV: Revelation

Myst V: End of Ages

 

 

 

 

 

Recensione del Gioco

 

PANORAMICA

 

Sentinel rientra nella categoria delle avventure grafiche come molti altri cloni di Myst, ma va subito precisato che di avventuroso ha ben poco, a esclusione degli enigmi: presenta infatti una serie di rompicapo senza soluzione di continuità, sacrificando molti degli ingredienti cari ai fans del genere. L'introduzione di Sentinel è piuttosto sbrigativa: ci scaraventa subito nel vivo dell’azione, senza troppi complimenti. Ci basta infatti sapere che nel mondo di Beni, lo sprovveduto protagonista della vicenda, delle tombe misteriose custodiscono i segreti di un’antica civiltà scomparsa e attraggono numerosi profanatori, desiderosi di scoprirne i tesori o anche solo di batterne in astuzia le sentinelle. Queste sono delle entità create dagli antichi Tastan, dotate di un’evoluta intelligenza artificiale e modellate sulla personalità dei defunti, poste a guardia delle tecnologie e delle conoscenze nascoste nelle sepolture.
Il gioco è un condensato di enigmi, nessuno di facile soluzione. Non c’è inventario, si debbono raccogliere solo dei cristalli che andranno a posizionarsi automaticamente quando è il momento, quindi non ci sono oggetti da cercare o da assemblare. Un po’ sulla scia di Schizm, il gioco è concepito a blocchi, vale a dire che in ogni mondo bisogna raggiungere degli obiettivi per poter accedere al mondo successivo. C’è però da raccogliere  una grande quantità di indizi armandosi di carta e matita, fare mappe, ascoltare e riprodurre suoni, interpretare suggerimenti, cercare collegamenti e relazioni fra gli indizi. C’è soprattutto da camminare molto... Nel senso che per arrivare alla soluzione di un enigma, quando finalmente se ne è compreso il meccanismo, bisogna fare un grande andirivieni per provare e verificare l’azione. Questo a lungo andare, risulta piuttosto ripetitivo e snervante, soprattutto quando ci si trova in uno scenario, come ad esempio Argannas, dove è molto difficile trovare punti di riferimento certi e quindi orientarsi e si gira in tondo per decine di minuti mettendo a rischio la propria salute mentale. Comunque gli enigmi sono logici e ben costruiti anche se, ripeto, presentano un alto grado di difficoltà che i principianti possono superare solo con la soluzione alla mano.

 

COMPARTO TECNICO

 

Il motore grafico di Sentinel: Il Regno delle Illusioni è il Jupiter, engine che se da un lato non può competere con i motori 3D di ultimissima generazione, dall'altro è più che sufficiente per assicurare una buona resa d'insieme, soprattutto quando, come in questo caso, si è di fronte a un titolo che non fa della pura potenza grafica il suo tratto distintivo. Rispetto ad altre avventure simili, solitamente dettagliate ma graficamente "statiche", il risultato è in effetti più convincente, anche se rimangono parecchi dubbi sulle animazioni e sul mediocre dettaglio dei modelli poligonali. Il sonoro riveste un ruolo primario nel creare un'atmosfera cupa e magica allo stesso tempo, ma le musiche tendono a ripetersi e il doppiaggio in italiano lascia spesso a desiderare.

 

CONCLUSIONI

 

In conclusione...... un gioco di grande effetto grafico e fitto di enigmi che può fare la gioia dei seguaci di Myst, ma la cui storia, a mio avviso, risulta alquanto posticcia, con un finale che poco si capisce.

Voto

 

7,5
 

Recensione realizzata da LUKE

 

 

COMMENTA, VOTA E CHIEDI AIUTI SU  SENTINEL: IL REGNO DELLE ILLUSIONI NEL

clicca ----->   FORUM   <----- clicca

SCARICA GRATIS  SE DISPONIBILI I TRUCCHI,  I SALVATAGGI E LA SOLUZIONE IN

clicca ----->   TRUCCHI   <----- clicca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


ZOOM

 

  

  

 

  


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

  

 

 


ZOOM

 

 

 

  

 


ZOOM

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM

 

 

 

 

 


ZOOM